Porta il tartufo a tavola e sorprendi tutti con ricette facili e gustose

Barattolo 0.5 litri In Microban® Antibatterico

Il tartufo è il re della tavola e quest’anno la raccolta promette di essere da record grazie alla pioggia caduta copiosamente nei mesi estivi e che ha creato le condizioni ideali perché il prezioso tubero si offra in quantità più abbondanti e prezzi più contenuti del solito.

Così almeno informa Coldiretti e noi accogliamo il suggerimento perché il tartufo è il protagonista indiscusso di mostre e sagre che si organizzano fra ottobre e novembre in tutta Italia, dal Piemonte alle Marche e dal Lazio alla Calabria.

Come preparare allora questo frutto della terra in modo veloce e gustoso?

Dal primo al dolce, ecco qualche idea per sorprendere tutti!

  1. Il tubero conosciuto già all’epoca dei Sumeri si sposa alla perfezione con la pasta all’uovo. Se hai una passione per il primo e vuoi esaltare il profumo e la consistenza del tartufo, abbinalo alle tagliatelle. Fatte in casa o acquistate, il segreto è aggiungere un filo d’olio all’acqua di cottura della pasta così non si attaccherà alle scaglie di tartufo che va servito a fettine sottili, pochi attimi prima di portarlo in tavola.
  2. Un’altra ricetta prelibata è la frittata morbida al tartufo. L’ingrediente che dona un sapore ancora più ricco e intenso è il parmigiano che va grattugiato nel composto, dopo aver battuto le uova fresche. Evita che si cuociano troppo in pentola e metti il coperchio. È fondamentale servire la frittata calda calda.
  3. Per i piatti precedenti è perfetto il tartufo nero, alla fonduta invece si abbina meglio quello bianco. Per prepararla ti servono 4 etti di fontina da tagliare a dadini dopo aver tolto la crosta e 4 tuorli da aggiungere uno alla volta dopo aver battuto con la frusta in pentola la fontina con 20 grammi di burro fuso. Quando si sarà formata una crema densa e omogenea, versala in piatti fondi dove avrai steso delle fette di pane abbrustolito. Aggiungi il tartufo tagliato a lamelle.
  4. Per dessert prova il gelato al latte (meglio panna che vaniglia) con scaglie di cioccolato fondente e tartufo nero a fettine e, se non ci sono bimbi a tavola, innaffia col brandy.

L’abbinamento con i vini rispetta il gusto personale. A voler seguire il consiglio degli intenditori, il vino rosso va col tartufo sia bianco che nero, mentre ai bianchi si può abbinare solo il nero.

Vuoi un suggerimento speciale?

Porta in tavola il menù al tartufo con i prodotti della collezione Sanaliving, martedì 16 ottobre sono in sconto in occasione della giornata mondiale dell’alimentazione!

Piatto piano per il primo, piatto fondo per i secondi e piatto da dessert per il dolce compongono una linea completa anche di bicchieri. Realizzata con la tecnologia brevettata Microban®, ha una speciale protezione antibatterica che combatte la proliferazione di microbi e riduce il rischio di contaminazione. È quindi l’ideale per gustare il tartufo, dopo averlo ben spazzolato per eliminare ogni residuo di terra.

Infine, per conservarne al meglio sapore e profumazione, avvolgi il tubero in un fazzoletto di carta e mettilo nel barattolo della linea Sanaliving che avrai riempito a metà con del riso.

 

Buon fine settimana da Omada!

Lascia un commento